Come comprimere un video troppo grande





Il video che devi spedire al tuo amico è troppo grande vorresti sapere come ridurre le dimensioni? Nessun problema se vuoi sapere come comprimere un video troppo grande dedicami cinque minuti del tuo tempo e prosegui nella lettura, in questa guida attraverso delle applicazioni, programmi e servizi online disponibili per Windows, macOS, Android e iOS con pochi passaggi ti permettono di ridurre le dimensioni dei video e riprodurre il filmato scaricato da Internet sul tuo cellulare o sul tuo media player senza problemi di memoria. Come comprimere un video troppo grande senza perdere qualità dal PC Windows o macOS e dal tuo smartphone Android o iOS Se devi ridurre le dimensioni di un video un video perchè il formato non supporti una risoluzione troppo alta del file o perché questo occupa troppo spazio e lo devi spedire o condividere sui social network, bene allora puoi stare tranquillo perchè usando gli strumenti che ti stò per consigliare puoi intervenire modificando la risoluzione, il formato e bitrate dei video pesanti in modo da condividerli dove vuoi senza problemi sia dal computer che dal tuo smartphone. Come comprimere un video troppo grande con Adapter (Windows/maosOS) La prima risorsa che ti propongo per comprimere un video è Adapter un software gratuito disponibile per sistema a operativo Windows e macOS, supporta tutti i principali formati di file video ed in modo semplice ti permette di allegerire, convertire i vari filmati e spostarli facilmente su smartphone, tablet, console come Xbox, Nintendo, PlayStation ecc. Per poter usare il programma come primo passo avvia il browser collegati al sito Web principale e clicca sul pulsante Download Adapter che vedi collocato nella parte destra della schermata per iniziare a scaricare il file di installazione. Al termine del download se come sistema operativo usi Windows clicca due volte consecutive con il tasto sinistro del mouse sul file appena scaricato per iniziare ad installare Adapter sul PC.

Per leggere il resto dell’articolo devi collegarti direttamente sul sito della fonte:









Continua

Pubblicato il: 9 Aprile 2019

Potrebbero interessarti anche »